Italia150



Non è il fascino ruffiano di una bandiera 
la carezza di un dialetto, né una melodia 
una cucina così povera ma sincera 
allora che cos'è che mi lega a te 
Quella faccia strafottente, così italiana 
di coraggio, di passione, di gelosia 
stai nel recinto anche tu 
in questo ghetto ci stai 
per non vivere più 
che bell'esempio che dai... 
Non rinuncerò 
io non sbarrerò la porta... 
non accetterò 
che la faccia mia sia un'altra ed io, 
quanto ti ho amata pure io 
ma questo cielo oltre che il tuo, 
è pure il mio, 
la stessa anima 
più malinconica, se questo è un oblio! 
Da quel primo bacio dato senza pensare 
nel timore che un amore ci porti via 
migrazioni naturali quelle del cuore 
valige che pesano 
Non c'è terra non c'è mare che può spiegare 
quale mistica attrazione ci tiene qui... 
pronti a soffrire così 
sono secoli ormai 
le differenze fra noi 
le appianeremo se vuoi... 
Madre anche tu 
salva almeno le apparenze 
tutti figli tuoi 
dalla Sicilia fino in Piemonte, e io 
se ti ho difesa lo sa Dio 
ma il tuo pensiero non è più limpido... 
Folle nostalgico 
vivo di questa mia utopia...cara democrazia 
Non ci vedrai più 
tutti intorno a una bottiglia 
non ci entriamo ormai 
nel ritratto di famiglia, e tu 
più delirante di così 
madre dimenticata lì in un angolo 
un ruolo scomodo 
siamo davvero figli tuoi...così sicura sei... 
Io ci spero sai... 
Che quel silenzio arrivi, mai!

4 commenti:

  1. Post stupendo! Complimentissimi!

    http://monsieurmauro.blogspot.com/

    RispondiElimina
  2. Ciao sono amico di Rano, Miky e altri tuoi blogger che segui... questo è il mio blog! ...ciao! :) http://sexycoolguys.blogspot.com/

    RispondiElimina

Powered by Blogger.

Copyright © / Chris' closet

Template by : Urang-kurai / powered by :blogger